La Tordera. Valdobbiadene, Treviso.

LaTordera-valdobbiadene-vigne

L’azienda agricola La Tordera è situata nel cuore dell’area di produzione del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G, poco distante dalla città di Venezia e dalle Dolomiti.

Di proprietà della famiglia Vettoretti, l’azienda, è stata fondata nel 2001 da Gabriella, Renato e Paolo. Sostenuti dai genitori Pietro e Mirella, sono stati capaci di mettere a frutto gli insegnamenti tramandati dal Bisnonno Bepi che negli anni venti del secolo scorso curava il vigneto nel colle Tordera.

Gabriella si occupa di gestire la parte commerciale e amministrativa. Renato assieme al padre Pietro si occupa di curare la vigna seguendo tutte le fasi lavorative, dalla potatura alla raccolta. Paolo invece lavora in cantina come enologo e cura la produzione.

Il nome La Tordera deriva dal territorio di origine dell’azienda, una caratteristica altura situata nella collina del Cartizze, micro area nel comune di Valdobbiadene dove si coltivano uve per produrre l’eccellenza Prosecco Superiore D.O.C.G. In quest’area esisteva un “roccolo” (appostamento fisso per la cattura degli uccelli) frequentato per la caccia ai tordi che, in autunno scendevano dalle montagne in cerca di cibo tra i filari dei vigneti: da questa tradizione l’altura prese il nome di Tordera. Nonostante il roccolo oggi non esista più il nome è perdurato nel tempo.

Produzione

Il territorio di produzione del prosecco comprende 556 comuni, dislocati nelle regioni Veneto e Friuli – Venezia Giulia.

Parliamo di un’ampia area denominata Prosecco D.O.C. che ne comprende al suo interno altre due: la zona del Prosecco Treviso D.O.C. e quella del Valdobbiadene D.O.C.G Prosecco Superiore.

L’area del Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G. in cui è localizzata l’azienda è la più storica per la produzione del prosecco e comprende al suo interno altre sottozone denominate Rive ed una denominata Cartizze.

Le rive rappresentano 43 selezioni comunali che indicano il luogo esatto di coltivazione delle uve. Con il termine cartizze, invece, si identifica un’area del territorio ben definita di 106 ettari, nel comune di Valdobbiadene.

La Tordera piramide di qualità

Per produrre il prosecco viene utilizzata l’uva Glera, inoltre possono concorrere, in ambito aziendale, fino ad un massimo del 15% le uve delle seguenti varietà, utilizzate da sole o congiuntamente: Verdiso, Bianchetta trevigiana, Perera e Glera lunga.

La Tordera produce spumanti Valdobbiadene Prosecco Superiore D.O.C.G. con uve provenienti dai vigneti di proprietà situati in collina. Si tratta di uve aromatiche e adatte alla produzione di un prosecco superiore.

L’eccellenza dei prodotti viene raggiunta con la produzione di Valdobbiadene D.O.C.G. Prosecco Superiore Cartize e Le Rive, prodotti con uve provenienti dalle omonime sottozone.

Con i vigneti più giovani, situati a pochi passi dall’azienda, viene invece prodotto il Prosecco D.O.C. Treviso.

Inoltre l’azienda produce alti tipi di vino spumante.

Il controllo della qualità per ogni fase della produzione è svolto direttamente dalla famiglia, senza la consulenza di esperti esterni; questo gli permette di apporre il proprio sigillo dalla produzione dell’uva alla commercializzazione delle bottiglie.

Il metodo di produzione è lo Charmat, detto anche Martinotti, nome dell’inventore. È un procedimento atto a produrre vino spumante, mediante la rifermentazione in un grande recipiente chiuso chiamato autoclave.

La vendemmia è fatta completamente a mano in maniera da preservare la consistenza e la salubrità degli acini. I 60 ettari coltivati di proprietà dell’azienda distano al massimo 15 chilometri dalla sede aziendale. Questo permette di trasportare, con l’uso di piccoli carri, le uve in maniera rapida e frequente. Questo incide sulla qualità dei prodotti, il breve intervallo di tempo che intercorre tra la raccolta e la lavorazione delle uve in cantina consente un uso ridotto di solfiti, a favore di un vino più sano e di maggiore bevibilità.

La Tordera Vendemmia

 

La parola chiave che racchiude tutto il lavoro dell’azienda è “naturale equilibrio”. La Tordera lavora le proprie uve nell’ottica di un’agricoltura sostenibile da un punto di vista ambientale, economico e sociale.

Nel 2000 viene costruita la nuova cantina in legno, poi ampliata nel 2011 e successivamente nel 2016. Il legno garantisce un’ottima coibentazione (tecnica per isolare due sistemi aventi differenti condizioni ambientali) e fa sì che non ci siano scambi di calore tra esterno e interno, cosi da mantenere gli ambienti alle temperature adeguate.Inoltre ha ottenuto la certificazione Casa Clima: si tratta di un attestato che valuta la compatibilità ambientale dell’edificio e il confort abitativo, il consumo di energia e acqua nella produzione dei vini, la scelta degli imballaggi ma anche le conseguenze del trasporto. L’istallazione dei pannelli fotovoltaici sul tetto permettono all’azienda di essere totalmente indipendente dal punto di vista energetico.

Gli ambienti “vivibili” dell’azienda sono riscaldati esclusivamente con caldaie a legna. La Tordera usa combustibili solo per i mezzi agricoli, cercando comunque di ottimizzare al massimo il suo utilizzo.

L’acqua, impiegata per il lavaggio delle vasche e per alcune fasi d’imbottigliamento, è stata ridotta e viene raccolta in apposite vasche per essere poi riutilizzata nell’irrigazione dei vigneti nei periodi di forte siccità.

Curiosità

Gli spumanti de La Tordera sono imbottigliati in nuove bottiglie create appositamente per l’azienda. Pesano solo 700 grammi e sono composte per oltre l’80% da vetro riciclato: questo permette una più bassa temperatura di fusione e quindi una minore dispersione di anidride carbonica nell’atmosfera.

Per l’azienda produrre vino è una forma di creazione artistica, infatti considera la terra fonte d’ispirazione per l’animo artistico. Il senso estetico de La Tordera si è affinato negli anni, soprattutto da quando Gabriella Vettoretti diventa presidente dell’associazione MO.Ca, la quale promuove tutte le forme d’arte moderna.

Nasce nel 2006 la prima etichetta artistica, creata da Alessandro Gatto, usata per lo spumante Gabri Rosé, rappresenta una caricatura di Gabriella che gusta una coppa di spumante Rosé.

La Tordera etichetta artistica Gabri Rosè

 

Prodotti

Superiore di Cartizze Dry – Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG

Otreval Brut Zero Zuccheri – Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG Rive di Guia Brut

Tittoni Rive di Vidor Dry – Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG

Serrai Exta Dry – Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG

Brunei Brut – Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG

Alnè Millesimato Extra Dry – Prosecco DOC Treviso

Saomì Brut – Prosecco Doc Treviso

Gabry Rosè Brut – Vino Spumante Brut

Jelma’s Extra Dry – Vino Spumante Extra Dry

 

La Tordera

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *